notificationsBenvenuti sulla home di Milano Beat Radio!

Curiosità

Area B 2023: nuove regole per la mobilità

today12/09/2023 316

Sfondo
share close

Area B Milano, dal 1° ottobre rivoluzione mobilità: ecco le nuove norme e chi sarà coinvolto

Il Comune di Milano prosegue la propria politica di tutela stradale: da domenica 1° ottobre scatteranno nuove regole per l’accesso e la circolazione in Area B.

Sistemi di rilevamento pedoni e ciclisti, adesivi di segnalazione dell’angolo cieco: l’amministrazione comunale si attiva con tempestività, ma i cittadini protestano i tempi lunghi di deroga.

Le misure entreranno effettivamente in vigore da lunedì 2 ottobre 2023: nel weekend, infatti, è possibile circolare liberamente.

A partire da questa data, alcune tipologie di veicoli dovranno adeguarsi ai nuovi sistemi di rilevamento ostacoli presenti in carreggiata.
Consentita l’adesione al servizio Move – In con durata massima di dodici mesi.

Vediamo nel dettaglio quante e quali saranno le misure attive per una corretta mobilità.

Area B
Un varco dell’Area B di Milano, immagine presa dal sito Altroconsumo

Le nuove regole per la mobilità in Area B

Terminata la pausa estiva i cittadini milanesi devono fare i conti con l’entrata in vigore di nuove norme atte a regolare l’accesso, comunque gratuito, e la mobilità in Area B – vasta zona urbana a traffico limitato attiva nei giorni feriali (dal lunedì al venerdì), dalle 7:30 alle 19:30. 

Da domenica 1 ottobre 2023 l’accesso all’Area B per i veicoli M3, destinati al trasporto di persone, aventi più di otto posti a sedere e massa massima superiore a 5 tonnellate, e per quelli N3, omologati per il trasporto di merci con massa superiore a 12 tonnellate, sarà modificato: sarà necessario avere sistemi di rilevamento dei pedoni e dei ciclisti in prossimità della parte anteriore del veicolo o sul lato del marciapiede, nonché adesivi di segnalazione della presenza dell’angolo cieco.  

Tramite apposito segnale di allerta, fondamentale sarà richiamare l’attenzione di pedoni e ciclisti circa il pericolo di avvicinamento in aree in cui la corretta visuale da parte del guidatore risulta interdetta o difficoltosa.  

Quanti in possesso di un regolare contratto d’acquisto di dispositivi di rilevamento ostacoli potranno circolare fino all’installazione degli stessi, e comunque non oltre il 31 dicembre 2024 

Le stesse norme di accesso e mobilità in Area B verranno estese, a partire dal 1° ottobre 2024. Anche ai veicoli appartenenti alle categorie M2 (destinati al trasporto di persone con più di otto posti a sedere e massa non superiore a 5 tonnellate) e N2 (pensati invece per il trasporto di merci con massa superiore a 3,5 tonnellate, ma non superiore a 12), con possibilità di deroga fino al 31 dicembre 2025.  

Assessore Censi: «Provvedimenti coerenti con quanto ci eravamo impegnati a fare»

Considerato l’arco temporale di ben 14 mesi di deroga, previsto dall’amministrazione comunale per l’adeguamento alle nuove condizioni di circolazione, molte sono state le critiche da parte dell’opinione pubblica a fronte dei numerosi casi di incidenti stradali: temporeggiare così a lungo per molti diventerebbe, infatti, controproducente a una corretta mobilità urbana.  

Il Comune di Milano, da tempo attivo sul fronte della sostenibilità urbana, chiarisce immediatamente la situazione per mezzo del suo assessore alla mobilità Arianna Censi, secondo cui la promessa fatta è quella di rendere più sicure le nostre strade, in particolare per ciclisti e pedoni, individuando in breve tempo una modalità per inserire l’obbligatorietà di sensore per l’angolo cieco, in mancanza di una normativa nazionale.

Nessuna indicazione, invece, circa l’entrata in vigore di nuovi divieti ambientali: i veicoli a benzina Euro 0, 1, 2 e gasolio 0, 1, 2, 3, 4, 5 potranno continuare a circolare in Area B avvalendosi del servizio Move – In un’alternativa al sistema di deroghe previsto per l’Area B –  la cui adesione prevede attualmente una durata massima di dodici mesi a partire dalla data di attivazione, oltre che la possibilità di rinnovo.  

Limitazioni alla circolazione anche in Area C: sempre a partire dal 1° ottobre, l’accesso all’Area C, attiva dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30, sarà interdetto per i veicoli omologati per il trasporto di cose e per gli autobus Euro 2/II benzina, Euro 0-4/IV diesel con FAP, Euro 5 diesel e Euro V diesel senza FAP e con FAP e particolato > 0,01 g/kWh. Invariate, invece, le norme per la circolazione degli autoveicoli omologati per il trasporto di persone.  

Questi provvedimenti – commenta Arianna Censi – sono coerenti con quello che ci siamo impegnati a fare con i milanesi. Il miglioramento dell’aria che respiriamo e della qualità della vita nella nostra città passa anche da una diminuzione della presenza di macchine in strada e dal potenziamento del trasporto pubblico che stiamo portando avanti, soprattutto con il completamento della M4.  

Per conoscere e verificare i requisiti di accesso e mobilità in Area B e C il Comune di Milano mette a disposizione una sezione apposita del proprio sito web, dove, accedendo con il proprio numero di targa, è possibile consultare il tipo di accesso consentito al veicolo interessato.  

Immagine in evidenza presa dal sito avvenire.it

Torna alle notizie

Scritto da: Criss


Episodio precedente

Ferragosto 2023

Comunità

Ferragosto 2023: 4.000 i visitatori al Museo della Scienza

Ferragosto 2023 e non solo: trend positivo, con un incremento del 17% rispetto all’estate 2022 Ferragosto 2023. Da domenica 13 a martedì 15 agosto, oltre 4.000 visitatori, di cui il 75% residente all’estero, hanno affollato gli spazi del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia di Milano. E hanno partecipato alle attività proposte durante il ponte. Nella sola giornata di lunedì 15 agosto, l'affluenza è stata di 2.200 persone. A conferma del trend positivo del 2023, il […]

today17/08/2023 100

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%