Green

Green Escape Room: educare all’ecosostenibilità attraverso il gioco

today14/07/2022 20

Sfondo
share close

A Milano il progetto The Green Escape per la costruzione di Escape Rooms particolari in biblioteche e scuole per sensibilizzare e educare i giovani alla sostenibilità

Come far conoscere ai più giovani le questioni legate alla sostenibilità ambientale affinché possano prendere le giuste misure nella propria quotidianità, anche piccole, rivolte alla preservazione dell’intero ecosistema? Una modalità promossa da The Green Escape è quella del “learning by doing” – letteralmente “imparare facendo” -. Il progetto sviluppato da un gruppo di comunicatori della scienza conosciutisi all’Università Bicocca ha come obiettivo la progettazione e strutturazione di Green Escape Rooms in biblioteche e scuole della città in cui  bambini e ragazzi attraverso il gioco hanno la possibilità di conoscere curiosità e di apprendere nozioni riguardanti il mondo green.

Escape Room: stanza del gioco da cui uscire con intelletto, creatività e collaborazione

Una Escape Room è un gioco di fuga molto diffuso e apprezzato in tutto il mondo, una stanza da cui uscire risolvendo in squadra enigmi di vario tipo, più o meno difficili. Il funzionamento può apparire semplice, ma in realtà è molto difficile: i giocatori, rinchiusi in una stanza, hanno un’ora di tempo per venire a capo degli indovinelli e trovare la via di uscita. Questi rompicapo possono essere veramente complessi; addirittura a volte può succedere che i partecipanti non riescano a risolverli per uscire, costringendo i responsabili della stanza ad aprirla una volta scaduto il tempo. L’inventiva, la capacità di osservazione e la collaborazione sono elementi essenziali per uscirne vincitori. Le Escape Rooms sono luoghi di divertimento molto sviluppati e addirittura alcuni di essi sono a tema, diventando così ancora più particolari, curiosi e interessanti da vivere.

Green Escape Room, la stanza con enigmi green

L’ideazione di The Green Escape, il progetto alla base della nascita delle diverse Green Escape Rooms – peculiari Escape Rooms con enigmi dedicati al mondo dell’ecosostenibilità -, risponde a due necessità rilevanti e in stretta relazione tra loro, sentite profondamente dai promotori di questo progetto, quattro comunicatori della scienza che si sono conosciuti frequentando il master in comunicazione della scienza dell’Università Bicocca di Milano: la prima è quella di diffondere alle nuove generazioni conoscenze generali e alcune soluzioni pratiche per contrastare, con misure quotidiane e utili, il cambiamento climatico; la seconda, invece, è l’individuazione di strumenti innovativi per comunicare al meglio temi complessi come questo.

L’approccio di The Green Escape si basa sul “learning by doing” – “imparare facendo” – : il gruppo di ideatori, con l’aiuto delle donazioni delle persone che credono nel progetto, e un grande impegno personale, vogliono che i ragazzi e le ragazze siano parte attiva dell’esperienza didattica, attraverso l’uso delle proprie capacità e l’esperienza del gioco, e non solo fruitori passivi. Dal momento in cui i ragazzi hanno iniziato a sentire questa esigenza farsi sempre più forte e a percepire la possibilità di una realizzazione effettiva della loro idea, non hanno mai smesso di lavorare insieme per diffondere al meglio la cultura scientifica, in particolar modo legata al tema ambientale, in maniera sempre più moderna.

La Green Escape Room ha una doppia funzione educativa. Da un lato, al suo interno i partecipanti devono compiere scelte comportamentali sostenibili sul piano individuale; dall’altro sono portati naturalmente a collaborare tra loro per uscire dalla stanza. La presenza sia della dimensione individuale che della dimensione collettiva è di fondamentale importanza per capire al meglio, anche in giovane età, il giusto approccio alla crisi climatica e alla transizione ecologica.

Green Escape

Grazie al patrocinio di CSBNO – Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest, la rete delle biblioteche del nord Milano – e alla disponibilità del comune il gruppo costruirà la prima stanza di fuga green, da cui fuggire con una consapevolezza maggiore, nella ludoteca della biblioteca ad Arese, grazie alla quale ha la possibilità di iniziare la fase sperimentale del progetto. Al suo interno, la prima Green Escape Room, allestita al meglio con i migliori enigmi possibili, rimarrà per almeno tre mesi e offrirà l’esperienza alle scuole della zona in maniera totalmente gratuita: questo sarà possibile grazie a una campagna di raccolta fondi appena conclusa e al cofinanziamento della Fondazione Comunitaria Nord Milano.

Sul lungo termine questo gruppo vuole rendere The Green Escape una realtà itinerante sempre più grande e conosciuta e soprattutto un’iniziativa in grado di sostenersi economicamente. Arese, infatti, è solo l’inizio di un lungo e promettente futuro.

Per informarsi sull’evolversi di questa iniziativa e per entrare in contatto con le tematiche legate all’ecosostenibilità le pagina instagram e facebook del gruppo sono gli spazi giusti. Soprattutto perché al loro interno verranno raccontate anche le esperienze dei ragazzi e delle ragazze che entreranno nelle stanze e le vivranno personalmente.

Torna alle notizie 

 

 

Scritto da: Alice Fusari


Articolo precedente

eroe

Motori

F1: Leclerc eroe a casa Red Bull

C'è un eroe in Austria. Charles Leclerc vince al Red Bull Ring davanti a Verstappen e Hamilton. Ora il monegasco è a -38 da Max. In fiamme l'altra Ferrari di Sainz Undicesimo appuntamento del Mondiale di Formula Uno che fa tappa sul circuito del Red Bull Ring in Austria. È un weekend dal lieto fine per Charles Leclerc che dopo cinque gare nelle quali non è salito sul podio ritrova […]

today11/07/2022 38 2

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%