Green

Ci credi veramente al “brutto ma buono”? Babaco Market sì!

today05/04/2021 164 16

Sfondo
share close

Babaco Market è un servizio di consegna a domicilio di frutta e verdura imperfetta, non esposta nei supermercati, ma comunque buona.

L’origine del nome “Babaco Market

Il “Babaco” è un frutto che proviene dal Perù e dall’Ecuador, un mix naturale di due tipi di papaie. Ha una forma particolare, quasi a stella, e un gusto altrettanto peculiare perché unisce il sapore dell’ananas a quello della fragola. Babaco Market ha come suoi protagonisti proprio frutta e verdura come il “Babaco”: visivamente particolari, gradevoli al palato e unici nella loro storia!

Questa startup, oltre a voler evitare lo spreco, rispetta l’ambiente, la qualità e la tradizione. Il suo sito riporta: “Ogni tonnellata di cibo sprecato è responsabile di 4,5 tonnellate di CO2 rilasciate nell’ambiente. Con le box di Babaco Market puoi contribuire al benessere del pianeta”.

La nascita di Babaco Market

Questa attività ancora “fresca”, la quale conta circa 1.800 utenti chiamati “babacolovers” che, tra l’altro, possono anche scrivere le loro ricette sul blog, è stata creata da due ragazzi durante il lockdown del maggio 2020.

L’idea è arrivata quando Francesco Giberti e Luca Masseretti (i due founder) hanno sentito l’esigenza di creare un e-commerce che rispondesse ai cambiamenti causati dalla pandemia. Infatti, i due, già prima di questa idea innovativa crearono “Myfoody”, applicazione che permette di scoprire i prodotti in scadenza scontati e contribuire ad azioni anti-spreco. Babaco Market è, insomma, un ulteriore passo in avanti verso un mondo più sensibile a temi del genere.

Come funziona Babaco Market

Babaco Market offre la possibilità di optare per un abbonamento settimanale o quindicinale, di scegliere fra la “Bonsai box” che contiene sei chili di frutta e verdura (sei tipi di verdura, il resto frutta) e la “Jungle box” che ne ospita circa il doppio. Il trasporto, per ora garantito solo a Milano e hinterland, avviene con mezzi refrigerati che permettono di conservare la freschezza e tiene fede al suo impegno ecosostenibile con l’eliminazione di imballaggi di plastica.

Il prezzo, invece, è conveniente? Assolutamente sì, il costo corrisponde circa al 30% degli altri servizi simili e dei negozi. Un aspetto in più di questa piccola impresa, che può motivare ulteriormente ad usufruire del suo servizio, è il fatto che i prodotti in avanzo vengono donati alle associazioni non profit del territorio milanese. Superfluo forse dire che, ora più che mai, è ciò di cui abbiamo bisogno.

 

Scritto da: Alice Fusari


Articolo precedente

hard in the paint

News

Come Hard in the Paint fa rinascere un campo da basket a Rozzano!

A Valleambrosia, frazione di Rozzano (sud di Milano), l’associazione Hard in the Paint ha trasformato 400 mq di campo da basket in un’esplosione di colori. La missione di Hard in the Paint Hard in the Paint è un progetto di ragazzi che, con impegno e dedizione, hanno unito l’amore per il basket a quello per la street art. Il risultato: il 3 aprile, in via Alberelle, hanno inaugurato il primo […]

today04/04/2021 52 16 7

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


WhatsApp Chat
Invia
0%