notificationsBenvenuti sulla home di Milano Beat Radio!

Cinema

MiX Festival: il cinema protagonista a Milano

today06/10/2023 77

Sfondo
share close

Grande successo per la kermesse dedicata alla migliore cinematografia LBGTQ+ e alla cultura queer che si è tenuta al Piccolo Teatro di Milano e non solo

Il 2023 del MiX Festival Internazionale di Cinema LGBTQ+ e Cultura Queer si conclude con ottomila presenze. Mutt vince il Premio come Miglior Lungometraggio, Out of Uganda si aggiudica il Premio come Miglior Documentario, L’attente conquista il Premio come Miglior Cortometraggio e Premio del Pubblico a Queendom.

MiX Festival
Il Piccolo Teatro di Milano

MiX Festival

Ha avuto grande successo la trentasettesima edizione 37 del MiX Festival Internazionale di Cinema LGBTQ+ e Cultura Queer, terminata domenica 1 ottobre. Ha registrato, in tutti gli eventi dell’anno, ben ottomila presenze. Di particolare successo i quattro giorni che hanno visto affollarsi le sale del Piccolo Teatro Strehler e del Piccolo Teatro Studio Melato: il pubblico storico e i nuovi appassionati hanno assistito a quarantasei proiezioni, di cui trentadue in anteprima italiana e una fuori concorso in collaborazione con MUBI, insieme a due concerti, uno spettacolo di varietà, sette panel andati tutti sold out, più di venti dj set, e oltre ottanta ospiti di cui dodici registi e trenta fra istituzioni, sponsor e partner che sono stati coinvolti nel festival.

La cerimonia di premiazione al Teatro Strehler condotta dall’attivista, influencer e presentatrice radiofonica Florencia Di Stefano-Abichain e dall’attuale vincitrice di Drag Race Italia La Diamond, ha visto anche il live dell’artista queer italo-brasiliano Ethan che ha regalato un’emozionante performance dal vivo.

Le tre giurie internazionali, formate da esperti e critici di cinema – la regista e sceneggiatrice Roberta Torre presidente di giuria Lungometraggi, la giornalista del Corriere della Sera Elena Tebano presidente di giuria Documentari e la scrittrice Chiara Sfregola presidente di giuria Cortometraggi – hanno assegnato i premiMutt di Vuk Lungulov-Klotz come Miglior Lungometraggio, Out of Uganda di Rolando Colla e Joseph Burri come Miglior Documentario e L’attente di Alice Douard come Migliore Cortometraggio.

Tra gli altri riconoscimenti, il premio al miglior Queer Music Video assegnato in collaborazione con l’hub creativo Futuro Solido, nella prima edizione dell’omonimo concorso, a Disco Crisco, Croce Atroce di Pietro Agostini e LoZelmo e il Premio del Pubblico attraverso l’APP ufficiale “MiX Festival” a Queendom di Agniia Galdanova.

MiX Festival
Foto della premiazione

Alcuni dei film vincitori di MiX Festival

Miglior Lungometraggio a Mutt di Vuk Lungulov-Klotz. La giuria premia all’unanimità il film ritenuto più rappresentativo di un linguaggio cinematografico contemporaneo, espressione di consapevolezza, rivolto particolarmente alle nuove generazioni e profondamente coinvolgente. Il film affronta l’identità trans di un giovane, il suo rapporto con la società, con la famiglia, le sue aspettative e i suoi sogni, utilizzando un registro narrativo lontano dagli stereotipi, non pietistico, e pienamente rappresentativo della vita del protagonista e di chi lo circonda.

Il premio come miglior Documentario va a Out of Uganda di Rolando Colla, Joseph Burri. Quest’opera ha avuto il merito aver acceso un faro su una doppia violenza istituzionale: quelle delle autorità politiche e religiose del Paese di origine, che violano i diritti umani fondamentali rivendicando persino l’uccisione delle persone lgbtq+, e quella anonima degli apparati burocratici nei Paesi di accoglienza, che pur rappresentando un rifugio non sempre riescono a dare salvezza alle persone lgbtq+ perseguitate.

Il premio come miglior Cortometraggio va a L’attente di Alice Douard per la capacità di coniugare elegantemente la commedia e il tema della maternità lesbica, attraverso due interpreti efficaci e una sceneggiatura sofisticata che possiede la compattezza e la grazia in maniera matura e al tempo stesso ironica.

L’attesa riesce, partendo dalla dimensione intima di una coppia di madri nelle ore del travaglio, a creare una commedia drammatica che mette al centro, con profondissima umanità, una madre intenzionale alla ricerca di un ruolo che la società ancora non sa dove collocare. L’attesa è una storia intelligente ed originale sul desiderio di genitorialità, narrata attraverso una messa inscena sapiente in grado di valorizzare un testo che lavora in sottrazione ma che al tempo stesso restituisce al pubblico momento di risata e di commozione.

Torna alle notizie

 

Scritto da: Tommaso Canziani


Articolo precedente

diritti umani

Comunità

La Dichiarazione Universale dei diritti umani compie 75 anni

La Dichiarazione Universale dei diritti umani compie 75 anni: le iniziative di Fondazione Diritti Umani Diritti umani, a Milano e in tutto il mondo. Si parte il 25 ottobre con la call Milano: memoria e futuro dei diritti rivolta a tutti i cittadini. 75 anni: La Dichiarazione Universale dei diritti umani festeggia un anniversario importante In occasione dei 75 anni della Dichiarazione Universale dei diritti umani, riparte mercoledì 25 ottobre […]

today04/10/2023 151 2

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%