Calcio

Inter di misura, battuto il Verona 1-0

today15/01/2023 54 1

Sfondo
share close

Vittoria di misura per l’Inter contro il Verona. Decide un gol al 3′ di Lautaro Martinez. Nerazzurri ora a -10 dal Napoli capolista e a -1 dal Milan

Ieri alle 20:45 in un San Siro con ben 70.734 spettatori, si è disputata la sfida valida per la diciottesima giornata di Serie A tra l’Inter di Simone Inzaghi e il Verona di Marco Zaffaroni. Nonostante l’assenza dell’attaccante belga Romelu Lukaku, i nerazzurri strappano una vittoria di misura grazie al bomber argentino Lautaro Martinez, che realizza il gol vittoria al terzo minuto di gioco. Il biscione poi si limita a gestire il risultato in vista della sfida di mercoledì in Arabia Saudita contro il Milan, valida per la Supercoppa Italiana: primo trofeo in palio della stagione. Il Verona prova a rendersi pericoloso, ma non riesce a impensierire granché i padroni di casa.

I 22 scesi in campo

Simone Inzaghi schiera i suoi uomini con il consueto 3-5-2: in porta c’è Onana; in difesa troviamo il capitano Skriniar, Acerbi e Bastoni; a centrocampo i due esterni sono Darmian e Dimarco mentre in mezzo il mister da fiducia a Gagliardini, Calhanoglu e Mkhitaryan; in attacco la coppia è formata da Lautaro Martinez e Dzeko.

Zaffaroni opta per un 3-4-2-1: tra i pali Montipò; reparto difensivo composto da Ceccherini, Hien e Dawidowicz; gli esterni sono Doig e Depaoli, mentre in mediana ci sono Tameze e Ilic; a sostenere l’unica punta Djuric, il duo formato dal capitano Lazovic e Kallon.

Vittoria di misura

L’Inter sblocca la partita dopo 3′ con Lautaro Martinez che è svelto a mettere con precisione in rete un pallone vagante in area, dopo un tentativo di respinta della difesa del Verona a seguito di una percussione di Mkhitaryan.

lautaro

Immagine presa dal profilo Instagram dell’Inter FC

La serata, però, non è così semplice come sembra lasciare intendere l’avvio, perché il Verona gioca una partita coraggiosa, in pressing uomo su uomo a tutto campo. Mossa che funziona, perché i nerazzurri cercano soluzioni senza riuscire però a impegnare la difesa veneta.

Solo in un paio di occasioni gli uomini di Inzaghi riescono a superare la pressione gialloblu, rendendosi pericolosi: prima con un colpo di testa troppo centrale di Lautaro, poi con un destro di Mkhitaryan deviato con un braccio da Hien. Deviazione su cui però sia Fabbri che il VAR lasciano correre senza intervenire.

verona

Immagine presa dal profilo Instagram dell’Hellas Verona FC

Nella ripresa il copione non cambia: il Verona rimane in pressione a uomo, mentre l’Inter è alla ricerca di alternative senza tuttavia trovare molte idee o spazi.

Nell’unico varco trovato dal biscione, Lautaro trova il raddoppio, che Fabbri annulla per un fallo dello stesso con precisione ai danni di Dawidowicz.

Al 70′ il Verona trova un po’ di coraggio e cerca di pungere, trovando però Onana attento su un destro di Sulemana. Nei minuti finali l’Inter cerca di controllare l’1-0 e il Verona tenta l’assalto, ma Onana non corre grossi pericoli.

Questa vittoria di misura è un ottimo biglietto da visita da consegnare ai cugini rossoneri in vista della sfida valida per la Supercoppa. Aspettando inoltre i rientri anche di Brozovic e Lukaku dopo che Calhanoglu e Barella si sono rivisti già in campo contro lo stesso Verona.

Le parole di Simone Inzaghi nel post gara

Simone Inzaghi può sorridere, pensando alla Supercoppa con il Milan e alla rincorsa al Napoli nel girone di ritorno. Nel post partita l’allenatore dei nerazzurri commenta così la sfida di San Siro:

«Venivamo dai 120 minuti di Coppa Italia, ma siamo rimasti lucidi segnando subito. Poi malgrado un po’ di nervosismo per il secondo gol che non arrivava siamo rimasti compatti senza soffrire molto anche contro un Verona che sapevamo poteva portarci insidie. Ero preoccupato più che altro dalla condizione dei calciatori, e avevo Calhanoglu e Barella in dubbio fino a ieri ma hanno dato disponibilità. Ho avuto un grandissimo aiuto in mezzo da Asllani, Mkhitaryan e Gagliardini che hanno fatto ottime prestazioni».

Inzaghi ha poi proseguito parlando della lotta scudetto:

«Noi abbiamo vinto otto delle ultime dieci partite, pareggiando a Monza e perdendo con la Juve. Negli ultimi due mesi e mezzo abbiamo avuto grandissima continuità. Il Napoli in questo momento è distante, poi siamo in tanti in pochissimi punti. Non dobbiamo fare tabelle ma guardare di partita in partita sperando di avere più giocatori possibile e rotazioni ampie».

Infine il mister neroazzurro ha dato anche delle anticipazioni sui giocatori disponibili in vista della Supercoppa:

«Handanovic e Brozovic non riusciranno a recuperare, vediamo per Lukaku che ha questo fastidio che lo condiziona. Vediamo nei prossimi giorni».

Immagine in evidenza presa dal profilo Twitter dell’Inter FC

Torna alle notizie

Scritto da: Fabio Girelli


Articolo precedente

identità golose

food

Identità Golose, una cucina che cambia

A Milano c'è uno spazio dedicato alla grande cucina italiana e mondiale: Identità Golose In via Romagnosi 3, Milano, si possono assaggiare alcuni tra i migliori piatti e vini al mondo grazie ai numerosi eventi d’alta cucina organizzati da Identità Golose. Eventi gastronomici con Identità Golose Si susseguono gli eventi dedicati all’alta cucina a Identità Golose Milano, l'Hub internazionale della gastronomia, che tra incontri tematici con ospiti importanti, settimana dopo settimana, […]

today14/01/2023 19 1

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%