notificationsBenvenuti sulla home di Milano Beat Radio!

Comunità

Primo scorpione triassico italiano scoperto dal Museo di Storia Naturale

today20/07/2023 84

Sfondo
share close

Studiato al Museo, il fossile è l’esemplare di una nuova specie. Il primo scorpione triassico italiano ha 240 milioni anni 

Il primo scorpione triassico italiano è stato scoperto, tra i fossili conservati al Museo di Storia Naturale di Milano, ed estratti dal giacimento UNESCO di Besano-Monte San Giorgio. Un piccolo pezzo di roccia dolomitica, aperto in due, ha infatti rivelato il corpo di uno scorpione. In soli 4,4 centimetri di lunghezza, l’animale è conservato integro, con occhi, zampe e coda completa di aculeo.

Primo scorpione
Il tecnico del Museo di Storia Naturale Michele Zilioli ha
analizzato al microscopio elettronico lo scorpione preistorico.
Per riconoscenza, i paleontologi hanno battezzato la nuova
specie Protobuthus ziliolii. Foto di Cristiano Dal Sasso

Una nuova importante scoperta paleontologica

Coordinati dal paleontologo del Museo di Storia Naturale di Milano Cristiano Dal Sasso, i ricercatori Marco Viaretti e Gabriele Bindellini, afferenti al Dipartimento di Scienze della Terra “A. Desio” dell’Università di Milano, hanno studiato in dettaglio un prezioso fossile di scorpione, scoprendo che si tratta di una nuova specie, ora battezzata ufficialmente “Protobuthus ziliolii” sulla rivista scientifica internazionale Paläontologisches Zeitschrift. Gli artropodi terrestri sono fossili molto rari; questo esemplare è il primo scorpione dell’Era Mesozoica scoperto in Italia e la seconda specie al mondo del genere Protobuthus.

Le mie congratulazioni al team di ricerca per l’importante scoperta, che conferma l’identità dei musei civici milanesi come importanti centri di ricerca scientifica e artistica – ha affermato l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi. In particolare, il Museo di Storia Naturale, oltre a un team di conservatori competenti e appassionati, ha diversi laboratori tecnici per lo studio e la conservazione delle ricche collezioni museali, che consentono non solo la loro valorizzazione, ma anche un continuo lavoro di analisi e ricerca. Un impegno costante che fa del Museo un organismo vivo e in costante evoluzione, e che la comunità dimostra di apprezzare moltissimo dal momento che continua ad essere uno dei musei più visitati della città.

Primo scorpione
La nuova specie di scorpione fossile: Protobuthus ziliolii,
che ha ben 240 milioni di anni. È il più antico scorpione
trovato in Italia. Foto e disegno di Gabriele Bindellini & Marco
Viaretti

Con l’aiuto della luce UV e del microscopio elettronico a scansione presente nei laboratori del Museo di Storia Naturale di Milano e comandato dal tecnico Michele Zilioli, il team di paleontologi italiani ha accertato che “il fossile è il corpo stesso dello scorpione e non una semplice ‘exuvia’, cioè non è l’esoscheletro vuoto, che gli artropodi abbandonano più volte crescendo nel corso della loro vita, e che ha dunque più possibilità di fossilizzare rispetto al corpo originale – spiega Viaretti. È proprio il corpo originale, che ha conservato l’ornamentazione carenata, che ci ha permesso di distinguerlo dagli altri Protobuthus e di stabilire che si trattava di una specie ancora sconosciuta”.

Il primo scorpione triassico italiano è stato estratto dagli strati superiori del giacimento di Besano, in provincia di Varese, uno tra i più importanti giacimenti fossiliferi al mondo del Triassico Medio, epoca geologica compresa tra 247 e 237 milioni di anni fa. I fossili di questa montagna, noti per la loro varietà e per l’eccezionale stato di conservazione, sono stati portati alla luce e analizzati a partire dal 1850 da paleontologi svizzeri e italiani.

Quei sedimenti dunque confermano di essersi depositati in acque basse, non lontano dalla riva da cui proveniva la carcassa dello scorpione – afferma Bindellini.  I sedimenti sottostanti, invece, si formarono in tempi precedenti, quando quel bacino era molto più profondo. E infatti contengono pesci di mare aperto e rettili tipicamente marini, come gli ittiosauri che hanno reso famoso nel mondo il giacimento di Besano-Monte San Giorgio, conclude Dal Sasso.

Il reperto non è stato ancora esposto al pubblico, ma farà certamente parte di un nuovo percorso dedicato ai fossili lombardi, che sarà allestito nei prossimi anni al piano terra del Museo di Storia Naturale di Milano.

Immagine in evidenza, da sinistra a destra: Cristiano Dal Sasso, Marco Viaretti (con in
mano lo scorpione nella roccia) e Gabriele Bindellini. I tre paleontologi hanno studiato il fossile, scoperto a Besano (Varese), e ora pubblicato su una rivista scientifica internazionale.

Torna alle notizie 

Scritto da: Alice Fusari


Articolo precedente

The Italian Institute

Cinema

Torna a Milano la convention “The Italian Institute & More”

Una convention Multifandom dedicata agli appassionati di serie TV: “The Italian Institute & More” È ormai qualche anno che Kinetic Vibe organizza eventi speciali, dedicati all’amato mondo delle serie TV. Siamo partiti con “The Italian Institute”, la prima convention italiana su Shadowhunters, che proprio quest’anno raggiunge la sua quarta edizione. È arrivata poi "Goodbye Con", dedicata a tre show importantissimi, soprattutto per il pubblico giovanile, ovvero Pretty Little Liars, The Vampire […]

today19/07/2023 161 2

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%