notificationsBenvenuti sulla home di Milano Beat Radio!

Paralimpici

Nuoto: un viaggio paralimpico con Alberto Amodeo

today18/07/2023 254

Sfondo
share close

Si racconta Alberto Amodeo, nuotatore paralimpico milanese, vincitore di un argento alle ultime Paralimpiadi di Tokyo

Il nuoto è uno degli sport cardine nel movimento paralimpico. Infatti, è stato inserito all’interno della kermesse paralimpica fin dalla sua prima edizione, svoltasi nel 1960 a Roma.

A Tokyo, nel 2020, l’Italia ha combattuto fino all’ultimo giorno per vincere il medagliere natatorio contro superpotenze come Cina, USA o RPC (comitato paralimpico russo). Tra i nostri portacolori ricordiamo Simone Barlaam, Carlotta Gilli, Arjola Trimi e Giulia Terzi. Tutti vincitori di almeno un oro paralimpico.

nuoto
Simone Baarlam con Federico Morlacchi, esultanti dopo la vittoria di Simone nei 50 stile, immagine presa dal sito AGI

E Alberto Amodeo, che abbiamo intervistato:

Chi è Alberto Amodeo?

«Sono Alberto Amodeo, ho 22 anni e nella vita nuoto. Faccio parte della nazionale italiana paralimpica e nel mentre studio al Politecnico di Milano ingegneria dell’automazione».

Ci vuoi raccontare come mai sei giunto in carrozzina?

«Sono passati 10 anni dall’incidente dove mi hanno dovuto amputare completamente la gamba destra. Adesso per muovermi utilizzo la carrozzina e raramente le stampelle».

Da dove nasce la tua passione per il nuoto?

«Il mio primo approccio con il nuoto l’ho visto come un obbligo, perché prima mio padre mi obbligava a fare il classico corso di nuoto. Prima ho iniziato ad appassionarmi alla pallanuoto, fino all’incidente, dopo il quale grazie alla mia insegnante di Educazione Fisica ho scoperto il nuoto paralimpico, perché conosceva il mio allenatore Massimiliano Tosin (Tecnico della compagine italiana)».

Qual è il tuo legame con Milano? E con la tua squadra di appartenenza?

«Il mio primo legame con Milano nasce dal fatto che noi ci alleniamo a Milano. Oramai conosciamo tutte le piscine meneghine, perché non abbiamo una fissa dimora. Mi sono trasferito a Milano per comodità degli allenamenti e per seguire meglio i corsi universitari. Il mio legame con la Polha è fortissimo: ho conosciuto alcuni dei miei migliori amici e molte persone stupende; senza la Polha non sarei dove sono adesso, le devo molto».

Che emozioni hai provato a Tokyo? E sul podio?

«La gara a Tokyo è stata molto complicata. Arrivavo da un anno e mezzo in cui hanno inciso sicuramente tutte le complicazioni dovute al Covid: è stato pesante sia a livello fisico che anche mentale, non volevo ammalarmi e rischiare di perdere tutto il lavoro fatto. La prima cosa che ho pensato a Tokyo è stata “ci sono riuscito”. Dopo è iniziata l’ansia per le gare, sentivo il peso ogni volta che entravo in acqua. Nei 400 stile  ho fatto una gara perfetta, facendo un tempo che nessuno si immaginava, arrivando a una medaglia d’argento insperata. Sul podio ho pensato che tutti i sacrifici fatti erano valsi la pena».

Nuoto
Alberto alle premiazione della sua gara nei 400 stile, foto presa dal suo profilo personale di Instagram

Quando non sei in vasca cosa ti piace fare?

«Nel tempo libero mi piace ascoltare musica elettronica, mi piace fare il DJ, seppur con scarsi risultati, mi piace giocare ai videogiochi con gli amici, che in particolare in quarantena ci ha tenuti uniti e ci fa passare i tempi morti nei collegiali con la nazionale. Infine fin da piccolo mi piace collezionare lego: è una passione che mi ha trasmesso mio padre».

Parlaci della tua amicizia con Simone Barlaam.

«Simone è uno dei miei migliori amici; ormai vedo più lui dei miei genitori. Viviamo a cinque minuti uno dall’altro, abbiamo tante passioni in comune. Ci siamo conosciuti solo grazie al nuoto, quindi siamo stati molto fortunati e lo siamo tutt’ora che condividiamo le stesse esperienze».

Come sono andati i campionati italiani appena fatti a Brescia?

«I campionati a Brescia sono andati molto bene. La mia squadra, la Polha Varese, ha vinto il campionato di società, che era l’obiettivo principale. Dopo la sconfitta dell’anno scorso, ho buone sensazioni in vista del mondiale di Manchester che si terrà tra un mese».

Come procede la preparazione per i mondiali a Manchester? Ambizioni?

«Dopo il collegiale avrà inizio una fase di scarico che mi porterà a essere al massimo della forma nell’evento cardine di questa stagione. Ambisco a migliorarmi. In particolare, vorrei ritoccare il tempo nuotato nei 400 stile nella vasca di Tokyo, anche se in realtà vorrei essere migliore in tutte le gare. Sono molto fiducioso di riuscire a superare qualche record italiano».

Noi di Milano Beat Radio facciamo ad Alberto un grosso in bocca al lupo per il proseguo della sua stagione!

Immagine in evidenza presa dal sito swim4life

Torna alle notizie

 

Scritto da: Davyd Andriyesh


Articolo precedente

yuzuru hanyu ice story 2023

Events

Yuzuru Hanyū’s Revolution: 16 luglio 2023

Domenica 16 luglio a Milano si terrà Yuzuru Hanyū's Revolution, la conferenza dedicata al "più grande pattinatore di tutti i tempi" In occasione dello streaming mondiale di «Yuzuru Hanyū ICE STORY 2023 “GIFT” at Tokyo Dome», distribuito dal 14 luglio su Disney+, e del primo anniversario del ritiro di Hanyū dalle competizioni - che egli stesso ha annunciato il 19 luglio 2022 - domenica 16 luglio, alle 15:00 presso l’Auditorium […]

today13/07/2023 1144 38

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%