Comunità

Milano città dalla forte vocazione solidale

today31/05/2023 68

Sfondo
share close

Milano raccoglie più di 180.000 volontari. Oltre 15 su 100 di loro hanno più di 14 anni

Con oltre 180.000 volontari, Milano si conferma una città a forte vocazione solidale: 15 persone su 100 di essi hanno più di 14 anni. É quanto emerge dalla presentazione nel capoluogo lombardo del Rapporto “Sussidiarietà e… sviluppo sociale”, realizzato dalla Fondazione per la Sussidiarietà con Istat.

Due terzi dei volontari milanesi operano in organizzazioni, mentre un terzo in modo diretto. I volontari sono divisi equamente fra uomini (51%) e donne (49%). La fascia di età con maggiore presenza è quella che va dai 45 ai 64 anni.

Due terzi dei volontari hanno un diploma di scuola superiore o la laurea. Fra le persone in buone condizioni economiche, quasi 1 su 4 fa volontariato, ma l’impegno è forte anche fra chi ha una situazione più modesta (10%). Il 14% di chi ha un lavoro fa volontariato; il 10% fra disoccupati, pensionati e casalinghe.

“Sussidiarietà e…sviluppo sociale” a Milano

Il rapporto “Sussidiarietà e… sviluppo sociale”, realizzato dalla Fondazione per la Sussidiarietà con Istat, è stato presentato il 31 maggio 2023 alle ore 18:30 nel Salone degli Affreschi della Società Umanitaria.

Intervengono Giuseppe Sala, Sindaco di Milano, Gian Carlo Blangiardo, già Presidente di Istat, Paolo Bonassi, Executive Director Strategic Support, Intesa Sanpaolo, Guido Borsani, Presidente Fondazione Deloitte, Barbara Colombo, Presidente UCIMU, Eugenio Massetti, Vicepresidente Vicario Confartigianato Imprese, Alberto Sinigallia, Presidente Fondazione Progetto Arca, Luigi Taranto, Segretario generale Confcommercio, Giorgio Vittadini, Presidente Fondazione per la Sussidiarietà.

Il Rapporto rivela che la sussidiarietà, intesa come partecipazione ad attività collettive, sociali e politiche, contribuisce a migliorare la qualità della vita, a facilitare la ricerca di un lavoro e a ridurre il rischio di povertà.

A livello nazionale, il non profit dà un contributo vitale all’Italia: il valore della produzione ha raggiunto nel 2022 gli 84 miliardi di euro (+5% rispetto al 2020).

Questa ricerca fotografa un aspetto della nostra città poco valorizzato, seppur fondamentale nella definizione della sua identità: Milano è da sempre una città solidale, attenta a chi ha più bisogno, afferma il Sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Siamo felici di sapere che oltre 180mila persone fanno volontariato, ma non possiamo fermarci a questi numeri. Bisogna crescere e far crescere la cultura della solidarietà e del sostegno reciproco.

Istituzioni, imprese private, Terzo Settore, cittadini devono lavorare insieme per fare meglio e di più per chi ha meno possibilità o vive in condizioni di disagio, economico e sociale, per permettere alla nostra comunità uno sviluppo e un futuro più equo e più giusto.

La ricerca, la prima del genere in Italia, dimostra che la presenza di un privato sociale attivo e dinamico contribuisce ad attenuare le condizioni di disagio e favorisce l’occupazione”, afferma Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà.

Il terzo pilastro tra Stato e mercato, la comunità, gioca un ruolo chiave per lo sviluppo. Lo studio mostra che la sussidiarietà è il carburante nel motore del sistema socio-economico.

Intesa Sanpaolo ha sempre posto grande attenzione ai temi sociali come presupposto di crescita del Paese, attenzione rafforzata nel Piano d’Impresa con lo sviluppo di numerose iniziative concrete entro il 2025: un programma di contrasto alle povertà che, con oltre 24 milioni di interventi, è riconosciuto tra i più significativi del Paese, progetti per favorire la formazione e l’ingresso di giovani nel mondo del lavoro, sostegno benefico ad organizzazioni e associazioni, finanziamenti al Terzo settore, oltre al volontariato, che coinvolge molti colleghi del Gruppo in tutta Italia.

Un impegno di tale portata non sarebbe possibile senza una forte collaborazione e integrazione delle competenze con soggetti di diversa natura – istituzioni, enti non profit – il cui presupposto è la sussidiarietà, intesa come valore per la comunità e per la persona. Di particolare utilità quindi il Rapporto della Fondazione presentato oggi, ha commentato Paolo Bonassi, Executive Director Strategic Support Intesa Sanpaolo.

Il Rapporto Sussidiarietà e Sviluppo Sociale racconta una società segnata da crescenti disuguaglianze socio-economiche. Al contempo, evidenzia la presenza di una molteplicità di attori consapevoli del proprio ruolo per lo sviluppo di una società più equa, ambientalmente e socialmente sostenibile: fra questi, gli attori del settore privato sono chiamati ad esercitare con sempre maggiore attenzione la propria responsabilità sociale, osserva Guido Borsani, Presidente Fondazione Deloitte.

La collaborazione di tutte le parti sociali rappresenta l’elemento centrale attorno al quale costruire un nuovo modello di sviluppo.

Lo sviluppo sociale è considerato oggi, a tutti gli effetti, uno degli ambiti e quindi una delle finalità che un’azienda considera nello svolgimento della propria attività, in linea con l’approccio strategico ESG sempre più diffuso anche tra le aziende costruttrici di macchine utensili.

Dunque, quella che, fino a poco tempo fa, era considerata una “semplice” buona pratica messa in atto da gran parte delle aziende del settore, per lo più PMI, legate al territorio e alla comunità di cui fanno parte, oggi è divenuta asset fondamentale per la competitività delle singole imprese e dell’intero settore, ha affermato Barbara Colombo, presidente UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione.

All’inizio degli Anni Duemila, afferma il Vice Presidente di Confartigianato Imprese, Eugenio Massetti, fra vari studiosi nacque e crebbe un dibattito sul valore o meno di alcune particolarità del modello italiano: policentrismo, poliarchia, sussidiarietà. Soprattutto queste ultime due strettamente connesse, come a presentare le possibilità vere del Paese. Il Rapporto che viene presentato parla dell’economia sociale come ‘ecosistema’. Se si va agli inviti di Papa Francesco la ‘sostenibilità’ nasce dall’assunzione di Relazioni che danno modo ad un soggetto di sentirsi ‘in dialogo’, con gli ambienti della sua vita.

Anche la sussidiarietà, continua Massetti, non produce da sola ‘sviluppo sociale’ se non connessa con la generazione di Senso nei molteplici aspetti della quotidianità; e per quanto ci riguarda saper fare associazionismo vuol dire lavorare in questa direzione. Per questo la partecipazione delle persone ad attività collettive arricchisce la loro vita. C’è la necessità di comprendere che la Sussidiarietà è un Processo, e non solo una modalità; un processo in cui nel proprio quotidiano tutti, persone, imprese e comunità, abbiano la possibilità di sperimentare relazioni vere.

Sono 440 i volontari di Progetto Arca impegnati nei diversi servizi dedicati al sostegno alimentare rivolto a persone fragili nelle città in cui siamo presenti in Italia: la maggior parte si concentrano a Milano, centro nevralgico della fondazione da cui nasce ogni idea e progetto.

È il caso della Cucina mobile, un servizio che dalla sua nascita in piena pandemia siamo riusciti a strutturare e potenziare, distribuendo solo nell’ultimo anno 242.700 pasti  n strada alle persone senza dimora, di cui oltre 100.000 a Milano. E per le famiglie in difficoltà economica i nostri volontari hanno permesso di consegnare 18.400 pacchi alimentari, di cui 7.900 a Milano. Un impegno con cui proseguiamo anche questo anno, afferma Aberto Sinigallia, presidente di Fondazione Progetto Arca.

Cultura della sussidiarietà e modelli di amministrazione condivisa dei beni comuni hanno come presupposto una adeguata dotazione di capitale sociale. E la dotazione di capitale sociale – secondo le forme, in particolare, del tessuto di relazioni cooperative tra iniziativa organizzata dei privati e funzione pubblica – si è rivelata determinante per la tenuta del nostro Paese nel tempo della pandemia e per la sua resilienza, sostiene Luigi Taranto, Segretario generale Confcommercio.

Per scaricare una copia del rapporto presentato: https://www.sussidiarieta.net/cn3430/sussidiariet-e-sviluppo-sociale.html

Torna alle notizie

Scritto da: Alice Fusari


Articolo precedente

Trama Plaza

Arte

Trama Plaza: arte e moda sostenibili

L’associazione Trama Plaza promuove una moda sostenibile attraverso lo spettacolo teatrale GIRALAMODA L’associazione no profit Trama Plaza, che promuove la moda sostenibile attraverso l’arte, il 26 maggio ha portato in scena, presso il Teatro La Creta di Milano, lo spettacolo GIRALAMODA: momenti di teatro, danza e musica che fanno riflettere. Noi di Milano Beat Radio abbiamo avuto il piacere di assistere a questa opera d'arte portata sul palco, che ha […]

today31/05/2023 47

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%