notificationsBenvenuti sulla home di Milano Beat Radio!

Comunità

Milano Pride 2023: Riconoscimi. Parità e diritti

today20/06/2023 80

Sfondo
share close

Milano Pride – celebrazione di libertà che tinge di arcobaleno la città – torna anche quest’anno. Molti gli eventi programmati per tutto il resto del mese

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali secondo la legge”. Così recita l’Articolo 3 della Costituzione Italiana. In realtà, ancora troppe sono le discriminazioni contro la comunità LGBTQIA+ e non solo. Nell’ambito accademico, lavorativo, di sanità, familiare. Nella libertà di esprimere la propria identità, godendo di piena dignità e protezione.

Il Milano Pride ogni anno pone l’accento sulla necessità di garantire maggiori diritti e tutele a tutte le persone, del mondo intero.

Quest’anno, con il Milano Pride 2023, il tema dei diritti emergerà ancora più forte e chiaro. In chiave intersezionale e internazionale: famiglie, persone transgender e non binarie, ma anche migranti e persone con disabilità, oltre che il pianeta, saranno al centro di ogni attività.

Pride
Milano Pride

Milano Pride 2023

Il Milano Pride è una grande celebrazione di libertà, aperta a tutti, nessuno escluso, che tinge di arcobaleno la città e che parla di inclusività, diritti, democrazia e autodeterminazione.

Per tutto il mese di giugno, il calendario del Pride Month propone incontri, mostre, spettacoli e iniziative diffuse in tutta la città.

Il Milano Pride è organizzato da CIG ArcigayMilano, in collaborazione con le altre associazioni del Coordinamento Arcobaleno, il coordinamento delle associazioni LGBTQIA+ di Milano e Città Metropolitana. Quest’anno vede il patrocinio della Commissione Europea, della Città Metropolitana di Milano e del Comune di Milano, oltre che di numerosi altri Comuni del territorio.

Quella di quest’anno è un’edizione ancora più inclusiva, accessibile e sostenibile. Vuole essere un’occasione di partecipazione per tutta la cittadinanza: per questo sono state studiate misure che possano garantire la partecipazione alle persone con disabilità. Inoltre, il Milano Pride si prefigge l’obiettivo di pensare ai diritti in senso esteso, inclusi quelli del pianeta: diverse le iniziative per rendere la parata più attenta all’ambiente. Tra cui un premio al carro più sostenibile e una donazione ai progetti di riforestazione urbana per ogni carro inquinante.

Con il Rainbow Social Fund, gli organizzatori supportano i progetti sociali a supporto della comunità LGBT+. Tra i progetti supportati tramite il Rainbow Social Fund: Casa Alba, che offre uno spazio sicuro per donne senza fissa dimora all’interno del Piano freddo del Comune di Milano; un progetto di housing assistito per i richiedenti asilo politico LGBTQIA+; uno di assistenza legale per le vittime di violenza omotransfobica; il Milano Check Point dedicato alla salute e alla prevenzione e il Mix Festival come valore culturale aggiunto per la città di Milano.

Pride
Pride

Pride Month & Pride Square

Il Pride Month avvolge e coinvolge l’intera città con spettacoli di teatro, tour guidati e mostre d’arte, ma anche con stand-up comedy, talk e party.

Il 22 e il 23 giugno tornano le Pride Square, ad animare tre piazze in Porta Venezia con un vero e proprio festival di eventi, dibattiti, talk sull’arte, la salute e la cultura, con associazioni e attivisti. Oltre che di momenti dedicati alle famiglie e ai più piccini, con particolare attenzione ai diritti delle famiglie omogenitoriali e alle istanze delle persone transgender a 360°, dallo sport fino alla necessità di una revisione dell’ormai antiquata legge per le transizioni.

Il 24 giugno ci sarà la tradizionale grande parata dalla Stazione Centrale all’Arco della Pace, dove si terrà il grande “Evento Finale”, che si protrarrà fino a oltre mezzanotte. La conduzione delle Pride Square è affidata ad Alessandro Lussiana, La Wanda Gastrica e La Trape.

In Piazza Bellintani sarà presente un presidio dedicato alla salute e alla prevenzione, con infopoint e stazioni dove potersi sottoporre a test HIV e sifilide, rapidi, anonimi e gratuiti, in collaborazione con Milano Checkpoint.

Nella serata di venerdì 23 giugno, una serie di eventi delle Pride Square saranno dedicati allo stato dei diritti LGBTQIA+ oltre i confini del nostro paese, che porranno l’accento sulla collocazione dell’Italia in Europa e nel mondo, indagando il rapporto fra politica e attivismo. Diversi gli ospiti di rilievo nazionale e internazionale, come Elly Schlein – segretaria del PD – e Kim van Sparrentak – co-presidente dell’intergruppo LGBTI del Parlamento Europeo.

L’evento conclusivo del Pride Month sarà Sempre liber3-Pride on Stage 2023, il 25 giugno alle 20:30: un’esplosione di creatività sul palco del Teatro Elfo Puccini, in una serata dedicata all’arte queer in tutte le forme, in collaborazione con Alchemico 3.

Il calendario completo di tutte le iniziative è pubblicato nella sezione Eventi sul sito ufficiale di Milano Pride.

La parata e il grande evento finale

Sabato 24 giugno torna la grande parata arcobaleno, che abbraccia la città con un messaggio forte e chiaro di inclusione e di libertà.

L’inizio del concentramento sarà alle ore 15:00 in via Vittor Pisani, davanti a Piazza Duca d’Aosta, di fronte alla Stazione Centrale.

Il corteo partirà da piazza Repubblica alle 16:00, per continuare lungo via della Liberazione, connettersi a via Melchiorre Gioia e raggiungere piazza XXV Aprile, i Bastioni di Porta Volta e viale Elvezia, fino a giungere di fronte all’Arena, continuare lungo viale Byron, viale Melzi d’Eril, corso Sempione e concludere all’Arco della Pace.

Qui, all’ombra dell’Arco della Pace, si erge il main stage per il grande evento finale, che inizierà alle ore 18:30, vedrà la presenza delle associazioni e presenterà le rivendicazioni della comunità LGBTQIA+ e i saluti delle istituzioni, oltre che momenti di approfondimento politico, con la presenza di attivisti esteri che racconteranno lo stato dei diritti nei loro Paesi, in Europa e non.

Non mancheranno momenti di entertainment e di musica che faranno danzare i partecipanti fino a oltre la mezzanotte, grazie ai numerosi artisti che ogni anno partecipano a titolo gratuito, spendendosi per i diritti LGBTQIA+.

Una staffetta di conduttori accompagnerà tutta la serata: Marta Pizzigallo, Alessio Viola, Elena Di Cioccio, Paolo Camilli e Victoria Cabello. Tra gli artisti che si alterneranno sul palco ci sono: Baby K, Orietta Berti, Malika Ayane, Coma_Cose, Ariete, Angelina Mango, Kaze, Antonino, Santi Francesi, BigBoy, Ginevra, Italy Bares, Ethan, KAPUT, MyDrama, Yosef, Evra, Blue Phelix, Osvaldo Supino, Matteo Romano, Luigi Strangis, Protopapa con Drama. Previsti inoltre fra gli ospiti Daniele Gattano, Debora Villa, Valentina Petrillo, Stefania Rocca, Francesca Cavallo e Simone Alliva.

Sul palco inoltre una impact performance curata da Angelo Cruciani, ispirata al dialogo e alla rigenerazione del rispetto.

L’evento finale vede la regia di Mariano Furlani e sarà completamente trasmesso in streaming grazie a Fastweb. Vedrà inoltre la collaborazione con Getty Images per la creazione di contenuti fotografici.

Eco Pride

Il Milano Pride si impegna per portare avanti la sensibilizzazione sul tema dell’ambiente e della crisi climatica. Per questo, anche quest’anno, alle aziende e alle realtà che partecipano con un carro alla parata è stato consigliato di trovare soluzioni ecologiche. O di scatenare la loro immaginazione, in maniera alternativa.

Per ogni mezzo inquinante, Milano Pride destinerà una cifra proporzionale a progetti di riforestazione urbana. Torna quindi il contest Green to Queer, per chi riuscirà a coniugare al meglio l’impegno per l’ambiente e la creatività, con in premio un’opera artistica a firma di Federica Sutti di Artists for Pride.

Inoltre, le persone sono invitate a raggiungere le diverse location del Pride Month facendo uso dei mezzi pubblici o del bike sharing, tramite collegamenti diretti con le pagine di ATM.

Infine, tutto l’evento finale in Arco della Pace sarà completamente alimentato da energia elettrica da rete pubblica.

Torna alle notizie 

Scritto da: Alice Fusari


Articolo precedente

Stonati

Events

Il Coro degli Stonati in concerto

Sabato 17 giugno e domenica 18 giugno, all'Auditorium di Milano, Largo Mahler, si è esibito il Coro degli Stonati dell'Orchestra Sinfonica di Milano “Stonati non si nasce, lo si diventa”. Su questo paradigma si basa il corso di canto per “Stonati”, iniziativa Educational dell’Orchestra Sinfonica di Milano, nata nell’ottobre 2010 grazie alle competenze musicali, direttoriali e musicoterapeutiche del maestro di coro Maria Teresa Tramontin, mezzo-soprano del Coro Sinfonico e direttore delle […]

today19/06/2023 138 6

Commenti post (0)

Lascia un commento


WhatsApp Chat
Invia
0%